Ultime News
  • Home
  • homepage
  • A CENTO L’ANTIFASCISMO E’ UN VALORE AGGIUNTO

A CENTO L’ANTIFASCISMO E’ UN VALORE AGGIUNTO

By on novembre 3, 2020 0 238 Views
A scriverci è il Capogruppo PD, Piero Lodi che così annuncia quanto avvenuto la scorsa settimana in Consiglio Comunale.
 
” È passato quasi sotto silenzio, ma quello approvato all’unanimità l’altro giorno in Consiglio comunale, su proposta del Capogruppo del Partito Democratico, è un ordine del giorno importante.
 
Un ordine del giorno che fa fare un balzo di civiltà alla comunità Centese.
È scritto a chiare lettere nel documento approvato che Consiglio comunale di Cento rinnova l’impegno della Municipalità “a difesa e promozione” dei valori costituzionali. Fin qui non ci sarebbe particolare sorpresa. Dovrebbe (si sottolinea: “dovrebbe”) essere naturale che un’istituzione democratica si richiami esplicitamente alla Carta dei valori costituzionali.
 
Ma l’ordine del giorno fa un passo ulteriore: oltre a impegnare l’esecutivo ad una serie di azioni concrete per la sensibilizzazione delle giovani generazioni, interviene anche sulla vita amministrativa e pubblica della Città.
La Giunta, infatti, dovrà compiere gli atti conseguenti per rendere obbligatoria una dichiarazione di adesione ai valori costituzionali e antifascisti come documento preliminare per qualunque richiesta
di accesso a sale o spazi pubblici e per avere benefici di qualunque genere da parte della Municipalità.
Insomma: da alcuni giorni a Cento il fascismo e qualunque altra forza o movimento si richiami anche indirettamente a quella esperienza o ad altri totalitarismi non potrà richiedere o utilizzare sale pubbliche. Non potrà né richiedere patrocini o sovvenzioni pubbliche. Non potrà utilizzare gli spazi comuni della città.
Allo stesso modo, per poter utilizzare la proprietà collettiva sarà necessario dichiarare di “riconoscere e rispettare i principi, le norme e i valori della Costituzione italiana, repubblicana e
antifascista, che vieta ogni forma di discriminazione basata su sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali”.
Insomma, in un momento in cui sono molteplici, purtroppo, i soggetti che sull’intera Penisola vanno propugnando argomenti imperniati su odio e intolleranza, nella città di Cento è stato ora eretto un argine.
Non una censura, si badi bene. La tutela è affidata ai valori della Carta costituzionale che diventa uno spartiacque: chiunque la riconosca ha piena cittadinanza a Cento e chiunque ne metta in dubbio i valori democratici, antifascisti ed inclusivi non potrà beneficiare di spazi e contributi pubblici.
Si tratta di un ordine del giorno già deliberato anche in altri comuni e città importanti che segna uno Spartiacque preciso. Nuovi fascismi, nuovi nazismi, intolleranza, odio e stupidità non permettono infatti esitazioni. È necessaria una chiara scelta di campo. L’ordine del giorno del Partito Democratico ha schierato la città di Cento nel campo dei diritti, delle libertà, dell’inclusione, della tolleranza, dell’antifascismo”.
Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *