Ultime News
  • Home
  • homepage
  • ALLA PANDURERA L’IC “IL GUERCINO” RICORDA “IL FUMO DI BIRKENAU”

ALLA PANDURERA L’IC “IL GUERCINO” RICORDA “IL FUMO DI BIRKENAU”

By on febbraio 6, 2020 0 70 Views

L’Istituto Comprensivo il Guercino in collaborazione con il Comune di Cento e la Fondazione Teatro Borgatti di Cento, ha organizzato il giorno 4  febbraio, presso il Teatro Pandurera , una giornata di commemorazione in occasione del 75° anno di istituzione della Giornata della Memoria.  In questa giornata dedicata ai ragazzi della scuola secondaria dopo l’incontro sul ruolo di Gino Bartali dedicato alla scuola primaria,  i ragazzi della scuola secondaria di primo grado hanno assistito alla visione di una parte del cortometraggio tratto dal libro “Il fumo di Birkenau “ scritto dalla deportata Liana Millu nel 1947 al suo ritorno dai campi di sterminio.  Il cortometraggio, interpretato dagli studenti dell’Istituto Archimede di S. Giovanni in Persiceto, presenti in sala, è stato girato nei sottocampi di Auschwitz e Birkenau in Polonia all’inizio di ottobre. Ospite della mattinata il Dirigente dell’ Istituto Archimede di San Giovanni in Persiceto  Mauro Borsarini che ha accompagnato i ragazzi della nostra scuola a conoscere il periodo storico e i campi di sterminio polacchi con filmati commentati , contestualizzando  in questo modo, sia la mattinata che  la visione del  cortometraggio. Una parte importante l’hanno avuta i 6 ragazzi del Guercino,  Anna, Simone, Leonardo, Damiano, Thomas e Lucia,  che hanno letto il brano  “ Alta Tensione” uno dei sei episodi del libro della Millu. Al termine della lettura  si è  passati  alla  visione dell’ episodio interpretato dagli studenti Dell’Archimede.  Da alcuni anni l’Istituto “Archimede” e l’Istituto “Il Guercino” condividono l’iniziativa della “Giornata della Memoria” che ha permesso di incontrare, come sottolinea la dirigente Tassinari Anna, personaggi come Adelmo Franceschini, purtroppo non più fra noi, che per alcuni anni ha ricordato la sua esperienza di deportato davanti ai ragazzi commossi.

Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *