Ultime News
  • Home
  • homepage
  • ANDREA MATI, ARCHITETTO DEL VERDE, OSPITE ALL’APRITI BOSCO FESTIVAL

ANDREA MATI, ARCHITETTO DEL VERDE, OSPITE ALL’APRITI BOSCO FESTIVAL

By on giugno 14, 2022 0 66 Views
Si avvicina la data di apertura dell’Apriti Bosco Festival, la manifestazione in programma dal 17 giugno al 17 luglio tutti i fine settimana (venerdì, sabato e domenica) pensata per sostenere e far conoscere il progetto del Bosco Integrale, finalizzato alla realizzazione di uno spazio di integrazione tra persone e natura, un luogo di inclusione.
Domenica 19 giugno alle ore 21.30, all’interno del ciclo di conferenze tematiche organizzate all’interno del Festival, ci sarà ospite l’Architetto Andrea Mati.
Moderato da Alessandra Rimondi, pedagogista del Comune di Cento, insieme ad un rappresentante dell’RT Open Group/Cadiai, l’Architetto Andrea Mati, che si trova attualmente in tutte le librerie con il libro “Salvarsi con il verde: la rivoluzione del metro quadro vegetale” (ed. Giunti), porterà la sua esperienza sul tema dell’inclusione sociale. Nato a Pistoia in una storica famiglia di vivaisti, Andrea Mati ha studiato architettura, arte dei giardini e musica. Da sempre impegnato a cercare soluzioni per migliorare complesse problematiche sociali grazie al verde, fonda circa vent’anni fa due cooperative che operano nel settore vivaistico e nella progettazione, realizzazione, manutenzione di spazi verdi e nel reinserimento di persone appartenenti a categorie protette. Si dedica da anni, in stretta collaborazione con medici specialisti, alla progettazione di spazi verdi terapeutici, molti dei quali da lui ideati. Collabora con comunità per il recupero di tossicodipendenti – da San Patrignano alla Comunità Incontro di don Gelmini – e con centri di assistenza per disabili psichici. Insieme a un gruppo di psicologi, geriatri e psichiatri, ha dato vita a una ricerca sperimentale volta a progettare giardini dalle specifiche funzioni terapeutiche, per aiutare nella cura della sindrome di Down, dell’autismo, delle depressioni, dell’Alzheimer e di tutte le dipendenze. Ha partecipato a convegni medici e di urbanistica in Italia e all’estero. Recentemente è stato nominato docente al primo master italiano in Orticultura terapeutica organizzato dall’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna.
Al Bosco Integrale, Mati porterà la propria esperienza mirata all’inclusione grazie alla cura attraverso il verde. In dialogo con RT Open Group/Cadiai che porterà una riflessione sull’inclusione scolastica e quindi fornirà spunti dal punto di vista educativo, si cercherà di aprire un confronto sull’inclusione sociale, al fine di stimolare il dialogo e la sensibilità verso un cardine per una società moderna e rivolta al futuro.
L’ingresso alla serata di domenica 19 giugno, che comprende l’accesso alla conferenza e all’area Wood Truck è di 5 euro.
Organizzato dalla Fondazione Caterina Novi, l“Apriti Bosco” Festival, è nato per sostenere e far conoscere il progetto del Bosco Integrale, finalizzato alla realizzazione di uno spazio di integrazione tra persone e natura, un luogo di inclusione. Il filo conduttore di tutti gli appuntamenti, previsti nei fine settimana di giugno e luglio, sarà l’integrazione tra uomo e natura, perché oggi, più che mai, è necessario riscoprire il proprio rapporto con l’ambiente. Il Bosco Integrale sarà l’ospite e allo stesso tempo il protagonista della kermesse e tutto sarà strutturato nel suo pieno rispetto; a riprova di questo, il Festival ha ricevuto la certificazione PLASTIC FREE.
Il Festival è organizzato dalla Fondazione Caterina Novi in collaborazione con l’Associazione Bosco Integrale Caterina Novi ed è patrocinato dal Comune di Cento e dalla Regione Emilia-Romagna.
IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL IN COSTANTE AGGIORNAMENTO E’ CONSULTABILE SUL SITO www.boscointegrale.org/apritiboscofestival
I prezzi dei biglietti e delle attività del Festival sono disponibili sul sito.
Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *