Ultime News
  • Home
  • homepage
  • CONTRI, COMIZIO A CASUMARO, “DISCARICA NUMERO 1 MAI MESSA IN SICUREZZA, PERCOLATO NEI CAMPI, CHE DICE TOSELLI?”

CONTRI, COMIZIO A CASUMARO, “DISCARICA NUMERO 1 MAI MESSA IN SICUREZZA, PERCOLATO NEI CAMPI, CHE DICE TOSELLI?”

By on maggio 29, 2016 0 219 Views

“Il percolato della discarica numero 1 scorre come fosse un canale nei campi circostanti, con grave danno per ambiente, agricoltura e salute. Ci chiediamo perché l’ex sindaco di Sant’Agostino Fabrizio Toselli non abbia mai provveduto alla messa in sicurezza. Ricordo che il sindaco è la massima autorità sanitaria territoriale e responsabile della salute e dell’igiene pubblica. Mi chiedo con che coraggio si presenti agli elettori. Forse vuol far credere di poter fare a Cento ciò che non è riuscito a fare a Sant’Agostino?”.

Alla sua prima tappa del nuovo tour del territorio – ieri sera a Casumaro – il candidato Diego Contri è andato in affondo di Toselli. Scatti alla mano, mostrati al pubblico, Contri ha presentato un dossier fotografico sul liquido inquinante nei campi di Sant’Agostino.
“Il percolato – ha spiegato Contri – che scaturisce dalla discarica numero 1 procura danno anche ai cittadini di Casumaro, che hanno già subito gravi conseguenze e disagi per la vicinanza a un impianto di deposito rifiuti mai messo in sicurezza”. Contri ha anche affrontato il tema degli scarichi delle case sparse. “Un argomento – ha detto – ancora da affrontare, viste le tardive promesse del sindaco Lodi, giunte solo ora, in campagna elettorale. Abbiamo atteso cinque anni per una proposta, che guarda caso arriva a un passo dalle elezioni e che, comunque, deve ancora essere valutata.
Il risultato è che – dopo un intero mandato – il problema rimane da risolvere. Noi assicuriamo che da subito metteremo mano alla questione e che, nell’arco dei cinque anni, almeno all’80 per cento del problema sarà trovata una soluzione. Come? Promuovendo un’intesa tra rappresentanze dei residenti, Hera e Partecipanze per arrivare a interventi coordinati e definitivi”.
Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *