Ultime News
  • Home
  • homepage
  • CONTRI, SERATA PROGETTO CENTESE: "SCONTI SU SERVIZI E WELFARE PRIMA AI CENTESI". "NO A GENITORE 1 E 2"

CONTRI, SERATA PROGETTO CENTESE: "SCONTI SU SERVIZI E WELFARE PRIMA AI CENTESI". "NO A GENITORE 1 E 2"

By on aprile 17, 2016 0 196 Views
Venerdì 16 aprile, presso la sede elettorale di Diego Contri in Via del Guercino 56,  la lista civica Progetto Centese, che appoggia il candidato sindaco Diego Contri, ha organizzato una serata dove si è parlato di famiglia:
 “La famiglia è il nucleo fondante della nostra società, lo dice anche la Costituzione (articolo 31), ed è al primo posto del nostro programma”, ha detto Contri, precisando che “mamme e papà saranno i benvenuti” e che “mai ammetteremo di surrogarli con genitore1 e genitore2, come qualcuno vorrebbe”.
Relatore al centro della serata, introdotta da Omero Borghesani, è stato Pierluigi Sforza, studioso ed esperto del tema, che ha parlato del modello della Provincia di Trento, che può contare su un’agenzia dedicata proprio
alla famiglia e alla natalità, mentre Emanuele Boccafoglia di Progetto
Centese ha portato il contributo della sua lista al programma elettorale del candidato.
Tra le misure previste: il fattore famiglia (cioè l’introduzione di un coefficiente per la definizione del costo dei servizi che tenga conto del numero dei familiari a carico), già realtà in Comuni come Castelnuovo del Garda.
Tra le altre proposte emerse, già al centro del programma di Contri: l’introduzione del criterio di residenzialità, che stabilisce una priorità dei centesi (e, più in generale, dei residenti storici sul territorio) nell’accesso a welfare e case popolari, gruppi di sostegno all’educazione, bonus bebé, l’s.o.s. mamma (baby sitter a disposizione per assistenza temporanea dei figli, in caso di imprevisti dei genitori), sostegno alle famiglie con a carico soggetti malati di handicap e anziani, cura e attenzione dei parchi urbani, anche
attraverso la partnership con i privati.
Esperienze che altrove sono già realtà (è il caso, appunto, della Provincia di Trento). “Perché politiche per la famiglia? La media di età dei centesi è di oltre i 47 anni, la media di età dei non centesi è di 31 anni. Se non  rafforziamo la nostra comunità tra qualche decennio saremo in ‘via di
estinzione'”, ha detto Contri.
Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *