Ultime News
  • Home
  • homepage
  • CONTRI VEDE UNINDUSTRIA: “RICERCA CENSIS BASE PER POLITICHE DI SVILUPPO”

CONTRI VEDE UNINDUSTRIA: “RICERCA CENSIS BASE PER POLITICHE DI SVILUPPO”

By on maggio 21, 2016 0 204 Views

Il masterplan per Cento 2030 elaborato dal Censis base per lo sviluppo della Cento futura. Nel corso di un vertice tra il direttore di Unindustria Ferrara Roberto Bonora e il candidato Diego Contri – incontro chiesto dallo stesso Contri -, il rappresentante del mondo industriale ferrarese ha richiamato lo studio elaborato l’anno scorso dal Censis su input di Lions club e Associazione Imprenditori centesi. All’incontro – ospitato nella sede di Unindustria – presenti anche Marco Pettazzoni, consigliere regionale Lega Nord ed Emanuele Boccafoglia, coordinatore della lista civica Progetto Centese.
“All’epoca fui tra i promotori di quella ricerca – ha rimarcato Contri -, ritengo infatti che le politiche di sviluppo debbano poggiare su uno studio approfondito e sistematico della realtà territoriale, dei bacini di riferimento, delle prospettive e potenzialità, dei punti di forza. Da qui sono nate le idee-progetto elaborate dal Censis, che esprimono spunti positivi di sviluppo che un bravo amministratore deve cogliere.
Oggi come ieri condivido questa impostazione e mi fa enorme piacere che Unindustria abbia richiamato il lavoro del Censis”. Tra i temi affrontati anche le peculiarità produttive e i punti di forza del sistema produttivo locale: “Siamo nella motor valley, con Modena e Bologna, e dobbiamo garantire le condizioni che consentano un consolidamento ed uno sviluppo di tutte le realtà coinvolte, partendo dalla necessità di costruire le competenze necessarie, penso a Lamborghini, penso a Vm, marchi storici che, per la storia che rappresentano e per l’indotto che generano, sono da tutelare e preservare. Come? Garantendo alla proprietà un canale diretto di dialogo e massima collaborazione”. “La formazione – ha detto Contri – deve partire dall’aggancio col mondo produttivo. A Cento, ad esempio, i profili tecnici sono più spendibili. Mondo scolastico e mondo dell’impresa devono stringere legami a doppio filo per garantire piena continuità tra teoria e pratica e per aiutare i giovani a scegliere i percorsi migliori e più richiesti dal mondo del lavoro”.  Nel mirino anche le infrastrutture. Contri ha condiviso con Unindustria la “portata strategica della Cispadana, ma – ha precisato – nel pieno rispetto dei cittadini residenti”. Il candidato, a questo proposito, ha ribadito: “Non accetteremo un tracciato che passa sopra la testa dei cittadini, sono pronto a giocarmi il mandato amministrativo su questo punto”.   “Abbiamo già portato il tema in Regione e in Parlamento grazie alla collaborazione di esponenti eletti che compongono la nostra squadra”. “Anche nei confronti del mondo dell’impresa porteremo le istanze del territorio a tutti i livelli istituzionali”.

Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *