Ultime News

DIEGO CONTRI CHIEDE LIBERTA' DI SCELTA

By on marzo 7, 2017 0 225 Views

E’ con un accorato appello rivolto al Sindaco Toselli ed ai Consiglieri che il Vice Presidente del Consiglio Comunale di Cento, Diego Contri, chiede di poter fare propria la sentenza del TAR del Piemonte in merito alla possibilità di poter consumare anche i propri cibi nelle mense scolastiche per poter escludere i costi delle mense. Così Contri rivolgendosi a Toselli: “a seguito di un ricorso al TAR di 58 famiglie torinesi che protestavano contro l’aumento delle tariffe della refezione scolastica, la sentenza della Corte d’Appello di Torino (19 aprile 2016) ha recentemente riconosciuto il diritto per le famiglie di poter scegliere tra refezione scolastica a pagamento e il pasto domestico portato da casa,la Corte di Appello ha pertanto statuito che ciascun istituto scolastico debba adottare idonee misure organizzative – anche in funzione degli aspetti igienico/sanitari – in relazione alla specifica situazione logistica;adeguarsi al principio sancito dalla Corte rappresenta, dunque, un obbligo generale della Pubblica Amministrazione; il diritto di scegliere è principio che sta alla base del Diritto stesso, pertanto questa sentenza va salutata come una vittoria della libertà di scelta che può essere esercitata per motivazioni di risparmio familiare, oggi sempre più pressanti; per motivazioni di gradimento della qualità del servizio stesso; per libera scelta personale del proprio regime alimentare, vedi l’art. 2 (secondo cui la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabile dell’uomo) e l’art. 32 della Costituzione da cui può desumersi un diritto alla libertà nelle proprie scelte alimentari la sentenza rappresenta un precedente importante per tutta l’Italia.
Appurato che: nel regolamento di organizzazione del servizio refezione dell’Istituzione Scuola è fatto espressamente divieto di consumare pasti alternativi:
CONSUMAZIONE DI PASTI FREDDI, ALTERNATIVI AL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA: e che nei locali in cui si svolge il servizio di refezione scolastica legata all’orario curricolare non è consentito consumare cibi diversi da quelli forniti dalla Ditta appaltatrice del servizio nell’ambito del contratto in vigore. Infatti, il consumo di pasti confezionati a domicilio o comunque acquistati autonomamente potrebbe rappresentare un comportamento non corretto dal punto di vista nutrizionale, oltre che una possibile fonte di rischio igienico-sanitario sotto diversi aspetti, a cominciare dalla impossibilità di un corretto mantenimento delle temperature degli alimenti a garanzia della sicurezza alimentare da anni la refezione scolastica nelle scuole di Cento è gestita da ditte esterne.
Verificato che: in taluni casi i genitori, laddove possibile e compatibile con l’organizzazione familiare, hanno preferito riportare il figlio a casa nell’ora del pasto, ritenendo insostenibile il costo della mensa scolastica e/o di scarso gradimento; dovendo in tal modo rinunciare obtorto collo al diritto a fruire del “tempo-mensa” che, come recita la citata sentenza, rappresenterebbe “la violazione dei generali principi di libertà individuale e di uguaglianza di tutti gli studenti in connessione con il diritto alla studio, da ritenersi lesi da parte di un sistema che impone, quale unica soluzione, di allontanarsi dalla scuola per sottrarsi ad un servizio pubblico non obbligatorio”
Considerato che: adeguarsi al principio sancito dalla Corte rappresenta un obbligo generale della Pubblica Amministrazione e se questa rimane inerte o rifiuta di consentire l’esercizio del diritto, chi ha interesse a dotare il proprio figlio del pasto casalingo al posto del servizio mensa, potrà procedere giudizialmente contro il singolo istituto. Qualsiasi avvocato potrà chiedere ed ottenere i provvedimenti giudiziali, anche d’urgenza, per dare concretezza ai diritti reclamati.
TUTTO CIO’ PREMESSO IL CONSIGLIO COMUNALE DI   CENTO IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA ad attivarsi affinché la sentenza di Torino venga considerata un precedente positivo anche per la nostra città per tutte le implicazioni di cui in premessa, dall’esercizio della libertà di scelta, alle sofferenze economiche delle famiglie in questi anni, al diritto di scegliere il cibo per i propri figli ad attivarsi affinché venga sancita esplicitamente all’interno del regolamento dell’Istituzione dei Servizi Educativi e Scolastici, la libertà di scegliere se aderire al servizio mensa o portare il pasto da adeguandolo alla libertà di scelta e alla nuova organizzazione logistica che si dovrà dare ogni Istituto scolastico a dare le opportune indicazioni, alle condizioni che questa Amministrazione riterrà necessarie e utili, per preparare le scuole ad adottare, sin dal prossimo anno scolastico 2017-2018, così come previsto dalla sentenza della Corte d’Appello di Torino (19 aprile 2016), idonee misure organizzative – anche in funzione degli aspetti igienico/sanitari – in relazione alla specifica situazione logistica per consentire l’esercizio del diritto di ogni genitore di scegliere per i propri figli tra la refezione scolastica ed il pasto domestico da consumarsi nell’ambito delle singole scuole e nell’orario destinato alla refezione”.
 

Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *