Ultime News
  • Home
  • homepage
  • IL PROGETTO DI CONTRI PER XII MORELLI: "INSIEME SI PUÒ "

IL PROGETTO DI CONTRI PER XII MORELLI: "INSIEME SI PUÒ "

By on maggio 5, 2016 0 219 Views

Il candidato sindaco Diego Contri  e il suo progetto per la frazione di XII Morelli esposto in un incontro nei locali dell’ex bar parrocchiale: “un villaggio per le famiglie” può essere un laboratorio di buona politica a favore di mamme, papà e ragazzi, con attenzione agli anziani, su modello delle più avanzate amministrazioni del trentino, molto attente al tema famiglia.”

Il motivo di questa proposta, afferma Contri, è legata alla posizione baricentrica della frazione, al numero degli abitanti, per coesione territoriale e per l’alta densità associazionistica e di volontariato, risorsa preziosissima. Un percorso per tappe inserito nel programma elettorale del candidato Sindaco: “La creazione di un centro servizi per famiglie – d’intesa con le associazioni – che metta a disposizione, chiamando un unico centralino, pre e dopo scuola, centri estivi permanenti, laboiratori didattici, ludoteca per i più piccoli, sala musica per i gruppi emergenti. E l’Sos mamme, un servizio per il ritiro da scuola e la custodia temporanea del figlio in caso di imprevisti dei genitori”.

Ulteriore proposta di Contri è quella di  fare “del giardino delle ex scuole un parco, vista l’attuale carenza di spazi verdi in cui far giocare i bambini”. “Inoltre vorremmo rendere agibile l’ex asilo e farne un centro diurno per anziani, riqualificare l’area parrocchiale, che è una risorsa per la frazione, e realizzare, finalmente, una pista ciclabile, [/youtube]inserita in un percorso cicloturistico capace di mettere in contatto i centri dell’enogastronomia territoriale”.

Le proposte sono realizzabili, afferma Contri, ” ne abbiamo già parlato con le associazioni. A monte è imprescindibile la tutela della sicurezza” aggiunge Contri che propone una rete di telecamere intelligenti (il sistema si chiama ‘Targa System’ capace di rilevare le targhe di auto rubate), la vigilanza partecipata, gli osservatori di quartiere, la riorganizzazione dell’attività della polizia municipale (meno vigili negli uffici e più nelle strade), il potenziamento dell’illuminazione,
la lotta al degrado, anche attraverso app per la segnalazione delle
situazioni di rischio.

E, conclude “Insieme si può”.

Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *