Ultime News

IL PUNTO SUL CANTIERE DELL’AREA STAZIONE

By on febbraio 18, 2019 0 113 Views
Dopo le modifiche che si è reso necessario apportare al progetto e la predisposizione fra settembre e novembre 2017, con le fasi di pulizia e demolizione, il cantiere dell’area dell’ex stazione ferroviaria di Cento procede con regolarità, nel rispetto del cronoprogramma.
 
Per quanto riguarda l’ex stazione, destinata a divenire nuova caserma della Polizia Municipale, i consolidamenti strutturali relativi a fondazioni, murature e solai sono già conclusi. Entro una quindicina di giorni sarà realizzato il nuovo coperto in legno. A quel punto, ad edificio chiuso, sono programmati i lavori di distribuzione impiantistica ed edilizia.
 
Circa l’ex deposito locomotive, dove saranno ospitati la sala d’attesa, la biglietteria, piccole attività commerciali e uffici, gli interventi di consolidamento con adeguamento sismico, attraverso l’inserimento di maglie metalliche, sono ormai conclusi e si sta provvedendo alle operazioni di collaudo. Nel frattempo sono in corso di realizzazione la distribuzione impiantistica ed edilizia.
 
Sul fronte delle opere di urbanizzazione, il nuovo marciapiedi è terminato: la riasfaltatura di viale Jolanda, da via Matteotti a via 27 Gennaio, è invece programmata a conclusione delle opere complessive, previsto verosimilmente nel mese di ottobre.
 
«Si tratta di un cantiere particolarmente importante per l’intera città, sotto il profilo sia del decoro sia della sicurezza, completato peraltro dalla collocazione della nuova sede della sezione Avis nell’ex magazzino merci – afferma il sindaco Fabrizio Toselli -. In particolare, il Corpo di polizia locale sarà collocato in una posizione sensibile, vicino alle scuole e alla stazione, così da garantirne il monitoraggio e la vigilanza, unitamente al progetto di videosorveglianza per quell’area».
 
Nel marzo del 2010 il Comune di Cento, grazie anche alla collaborazione di Acer Ferrara, ha sottoscritto un accordo con Coop Adriatica, oggi Coop Alleanza 3.0, per la realizzazione della riqualificazione urbana dell’area, da cui è scaturita la Variante al Piano di Recupero di iniziativa pubblica. A seguito delle difficoltà economiche dell’impresa appaltatrice, a inizio 2016 si è verificata una sospensione, trovata poi la soluzione, sono quindi ripartiti i lavori con una nuova impresa.
 
Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *