Ultime News
  • Home
  • homepage
  • FESTEGGIAMENTI DEL DUE GIUGNO: IL SINDACO RICORDA IL VOTO ALLE DONNE E COLORO CHE HANNO FATTO CRESCERE CENTO

FESTEGGIAMENTI DEL DUE GIUGNO: IL SINDACO RICORDA IL VOTO ALLE DONNE E COLORO CHE HANNO FATTO CRESCERE CENTO

By on giugno 3, 2016 1 260 Views

“Buon compleanno Italia! ”  Con questo augurio il Sindaco di Cento Piero Lodi ha salutato i 70 anni della nostra Repubblica e della democrazia, di fronte alla cittadinanza , alle autorità militari, civili ed alla banda cittadina che ha scandito i momenti dell’evento commemorativo davanti al Monumento dei Caduti.

“E’ un giorno importante”, ha affermato il Sindaco “ perché il 1946 è stato un anno di svolta, ricordando inoltre che , 70 anni fa, per la prima volta le donne sono andate a votare. “Oggi la parità di genere viene data per scontata”, afferma Lodi, invitando  a ragionare su quel valore quando il popolo italiano si trovò ad attuare scelte importanti.

Il Sindaco, a poco più di un’ora dall’inaugurazione, presso l’ex Ufficio del Registro, della mostra intitolata “Miracolo Centese, 100 anni di industrializzazione, Lamborghini e non solo…”, con la quale si ripercorre la storia di Cento  dal secondo dopoguerra ad oggi attraverso le sue industrie ed i nomi che hanno fatto conoscere Cento nel mondo,  ricorda e rende omaggio a coloro che hanno posto le basi della situazione economica ed industriale attuale nella nostra città.

_MG_2645 In una mostra allestita in quello che il Sindaco ha definito “un nuovo spazio dedicato alla cultura”,  al piano terra del bellissimo immobile sito in Via Guercino, riaperto dopo tanti anni di chiusura,  sono presenti numerose fotografie, documenti ed oggetti dei nomi che hanno fatto la storia centese: Lamborghini, Pivetti, Fava, Bonaveri, VM, Negrini, Benassi, Sim Bianca,Bonora, Terranalisi, Baltur, Andalini” .” Non è una coincidenza che dopo un periodo drammatico della guerra siano fiorite la democrazia e la voglia di benessere economico e di indipendenza”.

(nella foto con l’Assessore alla Cultura Avv. Claudia Tassinari e la curatrice della mostra la Dott.ssa Mariateresa Alberti)

Un accenno anche alla manifestazione con la sfilata di mezzi militari che ha avuto inizio nella mattinata con il raduno in Piazza Lamborghini a Renazzo: “celebrare  il due giugno con mezzi militari, non è rendere omaggio alla guerra,  ma alle forze armate, a chi indossa una divisa, agli operatori di pace” afferma Lodi. _MG_2563

“Sarà una giornata di festa , con  testimonianze storiche ed occasioni per fare comunità e stare assieme” conclude il Sindaco, perché le ricorrenze non sono vuoti momenti ma occasioni “per tramandare  ai giovani quei valori che, chi ci ha preceduto, aveva ben presente e conosceva il significato.”

Share Button
1 Comment
  • pignolo 4 anni ago

    Cento anni di industrializzazione dal secondo dopoguerra ad oggi. Bravi in storia meno bravi in matematica. Se poi si considera il 2 giugno anno di nascita dell’Italia il 17/marzo/1861 va a farsi friggere

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *