Ultime News
  • Home
  • homepage
  • LA MELEGATTI RIPARTE: E’ LA RICETTA DEL PANDORO PIU’ VECCHIA AL MONDO!

LA MELEGATTI RIPARTE: E’ LA RICETTA DEL PANDORO PIU’ VECCHIA AL MONDO!

By on novembre 23, 2018 0 201 Views
Melegatti, l’antico lievito madre salvo grazie a due operai.
Durante la crisi dell’azienda, e senza ricevere alcuno stipendio. I due operai hanno continuato ad alimentare il lievito di 124 anni.
La Melegatti riparte: la fabbrica ricomincerà ad impastare pandori, panettoni e dolci grazie ad una cordata italiana. Le ricette, fatte con l’antico lievito madre, sopravviveranno grazie alla dedizione di due maestranze, parte dell’azienda di Verona rispettivamente dal 1995 e dal 2004: sono loro i due dipendenti che, mentre lo stabilimento era fermo, si sono alternati per poter mantenere in vita il prezioso lievito. “Nominateli Cavalieri del Lavoro della Repubblica italiana”: online è già partita una compagna per dare ai due i giusti meriti.
Il lievito di Melegatti ha oltre 124 anni e deve essere mantenuto quotidianamente. Nei mesi in cui l’azienda è stata travolta dalla bufera che ne preannunciava la chiusura, la sopravvivenza dell’antico segreto non era così scontata. Ma Stupazzoni e Peraro, senza alcun obbligo e senza stipendio, si sono presi la briga di alimentare il lievito permettendo alla ricetta originale di continuare a deliziare i palati.
 
Dopo la crisi, la Melegatti ha riaperto i battenti con 35 dipendenti, assunti a tempo indeterminato, per lo più ex impiegati. “Terminate le procedure di acquisto da oggi saremo ancor più concentrati sul ritorno del tradizionale pandoro e panettone Melegatti sulle tavole degli italiani – ha detto tempo fa il presidente dell’azienda, Giacomo Spezzapria -. Abbiamo puntato molto sullo sviluppo del territorio e sulla valorizzazione delle sue competenze. Ora la nostra presenza a Natale sarà importante perché dimostra la concreta volontà di ripartire con la tradizione, la qualità e il prestigio di un marchio dolciario unico in Italia e nel mondo”.
Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *