Ultime News
  • Home
  • homepage
  • MATTARELLI: “L’ALLARMISMO E’ NEI FATTI!”

MATTARELLI: “L’ALLARMISMO E’ NEI FATTI!”

By on febbraio 2, 2021 0 139 Views

Il Presidente dell’Associazione Piccoli Azionisti CaRiCe, Marco Mattarelli, ritorna sull’argomento vendita della Cassa di Risparmio di Cento a Credem ribadendo il concetto della tutela dei lavoratori che operano nell’istituto e dei piccoli risparmiatori che hanno investito nelle azioni della banca. Questa le parole di Mattarelli: “Non siamo abituati a fare allarmismo ma analisi di fatti. Nella duplice veste di presidente dell’associazione e capogruppo di Libertà per Cento ho il dovere di rappresentare le fondatissime preoccupazioni di quel 22% di soci e cittadini della cassa di risparmio di cento spa che dal 2015 ad oggi hanno visto il valore delle loro azioni crollare da 21 a 2,1 € – dato al 31.12.2020 – ! ( da ventuno a due virgola uno euro per azione ) , peraltro con difficoltà estrema a venderle . L’ormai cronica inerzia e silenzio del sindaco Toselli e della sua ciclopica Giunta (in cui vediamo anche una dipendente della fondazione proprietaria del 67% delle azioni della nostra cassa) mi OBBLIGA a mettermi al fianco dei risparmiatori, delle imprese che hanno investito nelle azioni della nostra principale banca cittadina e dei lavoratori in essa occupati. A noi non interessano i roboanti comunicati del sistema cassa e le rassicurazioni a mezzo stampa. I fatti sono eclatanti ormai , come colossali le perdite GIÀ SUBITE pertanto PRETENDIAMO di conoscere notizie ufficiali in un incontro dedicato e riservato in cui potremo valutare lo stato dei fatti concreti. La fondazione dal 2015 ha avviato l’applicazione del protocollo Acri quando le nostre azioni valevano 21€ e nonostante L’ affiancamento di professionisti preparati non è stato possibile evitare un crollo a 2,1 € ed una perdita per gli azionisti privati di 62 MILIONI DI EURO, senza contare quelli persi dalla fondazione che rappresenta il 67% delle azioni ma che in sostanza appartengono alla Città di Cento. Per finire aggiungiamo che in un tutte le fusione bancarie si sono visti esuberi di personale e pertanto la posizione di Libertà per Cento è al fianco dei lavoratori troppi spesso abbandonati sia dalla politica TUTTA che dall’ inerzia dei sindacati aziendali”.

Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *