Ultime News
  • Home
  • homepage
  • RIAPRE LA CHIESA PARROCCHIALE DI SAN PIETRO DANNEGGIATA DAL SISMA DEL 2012.

RIAPRE LA CHIESA PARROCCHIALE DI SAN PIETRO DANNEGGIATA DAL SISMA DEL 2012.

By on marzo 28, 2021 0 28 Views
Anche la Regione Emilia-Romagna parla della riapertura della Chiesa di San Pietro. Viene restituita alla comunità la chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo di Cento (Fe), gravemente lesionata dal sisma del 20 e 29 maggio 2012. Questa mattina, dopo importanti lavori di consolidamento, miglioramento sismico e restauro, la chiesa torna definitivamente disponibile al culto con la celebrazione di una messa di ringraziamento presieduta dall’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Maria Zuppi.
 
Si tratta del primo stralcio di un intervento sull’intero fabbricato, tutelato dai Beni Culturali, il cui costo complessivo ammonta a un milione e 821 mila euro: un milione e 535 mila euro il contributo regionale attraverso il Piano delle opere pubbliche e dei beni culturali gestito dalla struttura commissariale, e 286 mila euro da fondi assicurativi.
 
Questo l’intervento di Paolo Calvano, assessore regionale al Bilancio e al Patrimonio: “Stiamo proseguendo nella restituzione alle comunità locali di edifici, chiese e monumenti, andando così a completare la ricostruzione dei centri storici sulla quale ora siamo impegnati dopo aver praticamente chiuso quella privata, case e attività economiche. Anche nella pandemia questo lavoro non si ferma. Siamo impegnati nella fase finale della ricostruzione: i comuni del cratere dagli iniziali 60 sono rimasti 15, dopo l’ultima riduzione la scorsa settimana che ha visto altri 15 tornare alla normalità. E vedere il cuore, i punti nevralgici dei nostri territori, tornare all’originaria bellezza è sempre una grande emozione, che ci riempie di soddisfazione e orgoglio”.
“Giornate di festa come quella di oggi- chiude Calvano- sono la rappresentazione più bella del buon lavoro di squadra fatto assieme alle autorità ecclesiastiche, al Ministero della Cultura e alle istituzioni locali, che ci sta permettendo di raggiungere gli obiettivi programmati”.
Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *