Ultime News

SINERGIE VOLTE A CONTRASTARE LA POVERTA’

By on settembre 20, 2022 0 74 Views

Nel distretto Socio Sanitario Ovest, che comprende i comuni di Cento, Terre del Reno, Vigarano
Mainarda, Bondeno e Poggio Renatico prosegue la sperimentazione della co-progettazione, una
metodologia di creazione di progettualità introdotta dal nuovo Codice del terzo settore, e della
successiva realizzazione di specifici interventi sociali, che mira a valorizzare l’integrazione tra i soggetti
pubblici (comuni del distretto e azienda USL) e privato sociale (volontariato e associazionismo). Con
questa metodologia, pubblico e privato hanno deciso di lavorare in modo sinergico avendo come
obiettivo condiviso fornire risposte ai bisogni di inclusione sociale. A partire da gennaio 2022 sono stati
infatti realizzati in sinergia tra pubblico e privato sociale diversi progetti a favore di persone e famiglie in
condizione di bisogno finalizzati alla creazione di reti di sostegno di comunità, di accompagnamento
all’inclusione sociale e sviluppo di competenze digitali.
La rete progettuale ha incluso l’Associazione Strade, Insieme per Condividere e CentoSolidale e l’attività
è stata svolta con modalità diversificate, in base ai bisogni evidenziati, nei diversi comuni del Distretto.
In collaborazione con le diverse amministrazioni comunali e con la regia dell’Ufficio di Piano e dei servizi
sociali del Comune capofila di Cento sono state attuate azioni di contrasto a povertà educativa minorile
con attività di doposcuola ed educazione non formale presso lo Spazio Socio Educativo STRADE nel
quartiere Ceres di Cento, Spazio 29 a Bondeno, Scuola Primaria di San Carlo, incluse borse sportive per
minori a basso reddito.
Sono stati altresì creati percorsi di alfabetizzazione linguistica di base/intermedia e socializzazione per
donne straniere e accompagnamento verso percorsi di autonomie pratiche.
Diversi gli interventi di contrasto a marginalità estrema e risposta a bisogni materiali attraverso azioni
di distribuzione continuativa e programmata di alimenti, prodotti per la casa e l’igiene presso i presìdi di
prossimità quali Emporio Solidale di Cento, le Caritas e punti di distribuzione distrettuali alimentati dal
circuito di approvvigionamento di Insieme per Condividere e Centosolidale.
Infine di grande rilevanza sono stati i percorsi di alfabetizzazione digitale attraverso corsi pratici verso
autonomie digitali: SPID, Fascicolo Elettronico, Registro elettronico scolastico, iscrizioni nidi/scuole,
portali dei servizi locali e nazionali con il coinvolgimento di 57 donne, di cui 13 ucraine e già si stanno
programmando i nuovi corsi da settembre. Distribuzioni mirate di dispositivi informatici per emergenza
DAD per nuclei sprovvisti o numerosi che necessitano in prospettiva di computer per i cicli scolastici
superiori, attingendo a risorse comunali e attivando campagne di raccolta di personal computer da
privati e aziende per dare una risposta concreta e tangibile al divario digitale.
La co-progettazione ha visto una importante valorizzazione delle tante e tanti volontari che supportano
le realtà del terzo settore accanto ad una concertazione di rete di prossimità pubblico-privata sulle
priorità socio-educative distrettuali su cui agire. La risposta a vecchie e nuove povertà deve passare da
una presa a carico condivisa pubblico-privata ed una risposta quanto più “sartoriale” alle fragilità
manifeste ed invisibili.

Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *