Ultime News
  • Home
  • homepage
  • “E TU? DA CHE PARTE STAI?” LE CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA SECONDARIA “IL GUERCINO” SUL PALCO DELLA PANDURERA.

“E TU? DA CHE PARTE STAI?” LE CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA SECONDARIA “IL GUERCINO” SUL PALCO DELLA PANDURERA.

By on febbraio 12, 2018 0 307 Views
“RICORDO CHE …Franco e Susanna trattavano male i compagni, ora non fanno più i bulli.
SAPETE, a volte capita che la paura si trasformi in aggressività e , chi prima era vittima, si trasforma in bullo.
Il bullismo, COME VEDRETE, è una specie di catena che rende le persone schiave della paura degli altri; noi quella catena la vogliamo rompere, stando dalla parte di chi NON HA PAURA, contro ogni violenza, contro ogni discriminazione”
Inizia cosi il saggio finale del laboratorio “E tu? Da che parte stai?” realizzato da 32 ragazzi delle classi seconde diretti da Massimo Piva, con il coordinamento della prof.ssa Garuti Stefania e la collaborazione di Roberto Agnelli, testi scritti dai ragazzi.
Il gruppo, che si è dato il nome di “23 + 9”, ha travolto il pubblico del teatro “La Pandurera” composto da compagni, genitori ed insegnanti in una sequenza di azioni rappresentate con il linguaggio del corpo e intervallate da riflessioni vocali. Di grande effetto la semplice scenografia dove il colore delle magliette, bianco, rosso, nero rappresenta tre tipologie di umanità: i violenti, i non violenti e gli irriducibili violenti. I ragazzi hanno saputo coinvolgere e commuovere il pubblico e, a conclusione dello spettacolo, hanno risposto alle domande dei compagni delle altre classi. Nella sala piena di persone, anche i genitori hanno avuto modo di intervenire, a sostegno del profondo messaggio di tolleranza e condivisione proposto dai “23+9” contro ogni forma di violenza, che si chiami bullismo o intolleranza razziale, religiosa, di genere.
 
L’evento è stato il momento conclusivo di un modulo di 30 ore di laboratorio teatrale all’interno di un progetto più ampio, finanziato dai fondi strutturali europei nell’ambito del Programma Operativo Nazionale del MIUR. Il progetto “Le scuole del centro al centro” prevede attività di teatro, di scrittura creativa, di coro, di recupero linguistico e di attività sportiva estiva che si stanno realizzando in orario extra scolastico nel comprensivo. Nell’introduzione, la dirigente Anna Tassinari, ideatrice del progetto, ha spiegato l’importanza del teatro a scuola; l’istituto comprensivo “Il Guercino”, fin dalla nascita, ha inserito nel proprio piano formativo il teatro come mezzo per sviluppare le capacità di comunicare, di collaborare, di assumersi responsabilità, di accettare se stessi e gli altri. L’istituto vanta tre gruppi teatrali: uno seguito da Massimiliano Piva, uno da Marco Cantori ed uno interno che propone annualmente una rappresentazione in lingua inglese coordinato dalla prof.ssa Fogli.
.
Massimiliano Piva ha spiegato il metodo che segue, da lui ideato, il metodo “Cosquillas” che consente di prevenire la dispersione scolastica e il disagio giovanile dando spazio alle emozioni.
E queste 23 ragazze insieme ai 9 compagni (e così è svelato l’arcano del nome scelto!) di emozioni ne hanno date davvero a tutto il pubblico presente. “E tu? Da che parte stai?”
Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *