Ultime News

TUTELIAMO I PICCOLI NEGOZI DI VICINATO

By on ottobre 29, 2021 0 31 Views

Dal PCI Locale si coglie l’occasione della notizia di una imminente apertura di una nuova  logistica Amazon per fare qualche considerazione sul commercio locale

Così il portavoce locale del Partito Comunista: “E’ notizia della stampa bolognese di oggi che per il comune di Bologna partirà un nuovo servizio fornito da Amazon per la consegna della spesa a domicilio che avviene in concomitanza con l’apertura  di un nuovo centro logistico.
Se da un lato l’apertura di nuove posizioni di lavoro e di nuovi servizi che possono venire incontro all’utenza è da salutare con favore, non di meno bisognerà porre attenzione sulle tutele occupazionali: troppo spesso queste nuove forme di lavoro e questi nuovi impieghi sottostanno a regole al limite della tolleranza. Non vogliamo fare certo un processo alle intenzioni, tuttavia invitiamo i soggetti istituzionali coinvolti a fare la loro parte in tema di difesa di diritti dei lavoratori.
Un aspetto che però ci preoccupa, come PCI Cento, è la possibilità che tali nuovi servizi possano impattare negativamente sul commercio di vicinato nei centri urbani come Cento, il cui commercio locale è stato messo a dura prova prima dal terremoto e poi dal Covid. E’ innegabile che il colosso americano abbia risorse per poter offrire servizi anche h24, 7 giorni su 7, ma è altrettanto evidente che i commercianti non possano controbattere ad una simile offensiva, che è certo al momento lungi dal palesarsi. Chi ha responsabilità di governo, sia locale che nazionale, deve mettere in campo tutte quelle forme di tutela verso il commercio locale e di vicinato che devono andare oltre a misure temporanee e palliative quali una riduzione di tariffe. Bisognerebbe a nostro avviso agire più in profondità prevedendo una politica di affitti calmierati, un sostegno al microcredito, una diversa formulazione dei servizi bancari (pensiamo ad esempio a cosa si incorre se non si paga una cambiale o una ricevuta bancaria o se si attiva uno scoperto di conto corrente) che vada maggiormente incontro alle necessità dei piccoli commercianti.
Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *