Ultime News
  • Home
  • homepage
  • “STOP AL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE NEI PARCHI E CHIUSURA NOTTURNA DEL PERCORSO VITA”

“STOP AL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE NEI PARCHI E CHIUSURA NOTTURNA DEL PERCORSO VITA”

By on agosto 20, 2018 0 214 Views
A chiederlo attraverso un comunicato alla stampa è LUCA CARDI coordinatore dei Giovani Padani nel comune di Cento. Così Cardi nel suo intervento:
 
“Negli ultimi giorni la situazione dei parchi pubblici centesi è stata al centro del dibattito politico locale. Numerosi sono purtroppo gli episodi di vandalismo che si susseguono ed è innegabile che, specialmente alcuni parchi come quello della Rimembranza o il Percorso Vita, siano purtroppo frequentati da soggetti poco raccomandabili.
 
«Prendiamo atto, e apprezziamo, i tentativi messi in atto dall’Amministrazione di risolvere il problema e suggeriamo al Sindaco di adottare, come già stato fatto in diversi comuni italiani, un’ordinanza contro il consumo di bevande alcoliche, in vetro o in lattine, all’interno dei parchi pubblici, salvaguardando allo stesso tempo il decoro urbano e la sicurezza, ma anche il lavoro dei commercianti che potranno comunque continuare a servire bevande alcoliche.» afferma Luca Cardi, esponente centese e membro del coordinamento regionale dei Giovani Padani. Ma la ricetta dei giovani leghisti non finisce qui: «Vista la situazione attuale, che se non risolta in tempi brevi rischia di diventare endemica e di difficile risoluzione, proponiamo all’Amministrazione in carica la chiusura in orario notturno del Percorso Vita di Cento, che è, da diverso tempo, sottoposto ad atti vandalici di ogni genere.»
 
– continua Cardi. “A questo proposito nei prossimi giorni sarà presentato su nostra proposta, dal gruppo consiliare Lega, un Ordine del Giorno in consiglio comunale che «abbiamo fiducia sarà approvato».
 
I giovani leghisti infine non risparmiano una stoccata al Partito Democratico: «E’ curioso vedere esponenti del PD parlare di “situazioni complicate, disagi e invivibilità”, dopo anni in cui, sia al governo del paese, che del nostro comune, si sono limitati a far finta di non vedere quello che accadeva.»
Share Button
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *