Ultime News
  • Home
  • homepage
  • PARTONO I LAVORI PER LA SCUOLA NUOVA DI CASUMARO

PARTONO I LAVORI PER LA SCUOLA NUOVA DI CASUMARO

By on Gennaio 25, 2024 0 26 Views

Le tre Liste che compongono la maggioranza in consiglio comunale, attraverso i loro capigruppo Mattia Franceschelli, Marcello Ottani e Massimo Donato, esprimono grande soddisfazione per l’imminente inizio dei lavori di costruzione della nuova scuola di Casumaro.

Martedì 23 Gennaio, nell’incontro pubblico con la cittadinanza, il Sindaco e l’Assessore ai Lavori pubblici, affiancati dai progettisti e dalla dirigente dei Lavori Pubblici, hanno ripercorso la storia di questa grande opera PNRR che sarà realizzata nella frazione, partendo dallo sforzo straordinario che amministratori e tecnici hanno compiuto per cogliere questa opportunità.
Perché il Comune di Cento ha deciso di concorrere al bando PNRR per l’edilizia scolastica, riuscendo poi a portare a casa il risultato?
L’attuale scuola di Casumaro è un edificio che ha più di cinquanta anni, a breve avrebbe avuto necessità di interventi importanti di messa a norma e rinnovamento a carico del Comune, e sarebbe comunque sempre stato un edificio di vecchia concezione. L’opportunità del finanziamento permetterà di consegnare alla comunità un edificio nuovo, moderno, sicuro, antisismico, all’avanguardia per rendimento energetico e riduzione dei consumi.
Le forze di opposizione si sono sempre dichiarate contrarie o critiche rispetto a questa e ad altre opere basate sull’utilizzo dei fondi PNRR, per i quali il Comune di Cento ha concorso con risultato positivo, che ricordiamo essere, per citare le principali, oltre alla scuola di Casumaro, l’asilo di Alberone, la palestra di XII Morelli, l’adeguamento sismico ed efficientamento energetico di alcuni immobili di proprietà comunale, investimenti nel digitale. La nuova scuola di Casumaro costituirà un ambiente stimolante ed accogliente, paragonabile alle più moderne scuole europee, dove i ragazzi potranno vivere e crescere, che diventerà un centro di aggregazione non solo per gli scolari, ma per tutta la cittadinanza, che potrà sfruttare spazi come la palestra e gli impianti spor